Post

Visualizzazione dei post da 2013

PLC Vs PAC: ancora?!?!

Immagine
Premesse:


Questo è un post in risposta all'articolo su AutomazioneNews.it "PLC e PAC, cosa scegliere?"Non si tratta di un post di polemica, ma solo il punto di vista dell'autore sulla questione. Sarei felicissimo di intavolare una discussione per cercare di crescere e superare magari visioni che sono ingiustificate o troppo "reazionarie": nessuno ha il dono della Verità e il confronto aiuta ad arrivarci un po' più vicini...




Onestamente io mi posiziono tra coloro che in prima battuta non vedono grandissime differenze funzionali tra PAC e PLCAnche PLC a basso costo dispongono di innumerevoli "add-on" per svolgere molti ruoli diversi e la linea di demarcazione è così sottile che forse rappresentata solo dal sistema operativo e da un reale multitasking (prerogativa primaria dei PAC), a scapito di un determinismo e una rigidità (che dona in cambio sicurezza) che invece regna assoluto nel mondo dei PLC. E' giustissima la considerazione che si tr…

System Integrators: ostaggi delle “majors”?

Immagine
Il panorama internazionale dei tools di integrazione non è mai stato così vasto e ricco di offerte come al momento: negli ultimi anni si è assistito a importanti acquisizioni, fusioni e incorporazioni che hanno di fatto ridotto il numero dei marchi “storici”, consentendo alle cosiddette “majors” di dotarsi di numerosi strumenti, plug-in e verticalizzazioni tali da riuscire a coprire tutti i maggiori temi dell’integrazione. E’ singolare osservare come le parole chiave che descrivono i benefici di questi prodotti siano più o meno ovunque le stesse. Ho tentato di creare una sorta di tag cloud con principali parole chiave identificate sui svariati siti web: ScalabilityFlexibility Real-time Intelligent Connectivity Integration ReliabilitySimpleEasySolutionProductOpen
Questo risultato (empirico), insieme ovviamente ad una lettura piuttosto approfondita dei vari contenuti, brochures e white-papers, al confronto con gli agenti che il mio lavoro mi porta costantemente a intrattenere, e alla te…

Movicon 11.3 provato "al banco"

Immagine
Movicon è un ambiente di sviluppo e runtime per applicativi HMI e SCADA leggero ed economico. E' sviluppato dalla italiana Progea di Modena.
La curva di apprendimento per le funzionalità accessibili da interfaccia grafica è praticamente piatta, mentre per padroneggiare la DOM è necessario qualche sforzo in più. Progea organizza periodicamente dei corsi gratuiti di avvicinamento al prodotto, che ci sentiamo di consigliare a chi ha già provato l'ambiente e desidera intraprendere lo sviluppo di progetti effettivi. Ulteriori corsi a pagamento sono invece indispensabili per chi desiderasse sviluppare progetti complessi e con funzionalità che trascendono le più semplici applicazioni di visualizzazione dei dati di processo. Non abbiamo ovviamente effettuato alcun benchmarking degno di questo nome, ma abbiamo voluto valutare l'aspetto prestazionale di questo ambiente che apprezziamo per la "leggerezza", l'organizzazione pulita e funzionale dell'interfaccia di svi…

Le ultime novità da Copa-Data: Partner Program e Zenon 7.1x

Immagine
Una partner community agile e multi-ruolo. Il programma di partnership di Copa-Data è stato presentato oggi ai principali integratori e clienti italiani del marchio di Salisburgo, assieme ad una anteprima ristretta della piattaforma SCADA Zenon versione 7.1x che uscirà in primavera. Le aspettative per il programma partner italiano sono quelle di creare una comunità di eccellenza in grado di rispondere alle richieste dei principali settori industriali che impiegano sistemi di automazione: Alimentare, Energia, Infrastrutture, Farmaceutico, Petrolchimico sono gli ambiti di primario, ma non esclusivo interesse. La necessità di mettersi continuamente in gioco, di sapersi costantemente reinventare e di fare network sembra dunque essere la ricetta di Copa-Data e dei suoi partner italiani al calo della domanda a cui si assiste da ormai troppi mesi. Ulteriori informazioni su Copa-Data Partner Program Il nuovo Zenon 7.1x in fase di beta testing. Una attesa tutt'altro che infruttuosa: la nuo…

PLC e DCS: le radici storiche

Immagine
Molti di noi lavorano nell'automazione di processo da decenni. E ci sono nuovi colleghi che quotidianamente rinfoltiscono i ranghi. Ed è proprio per i nuovi membri di questa comunità globale dell'automazione di processo che condivido una presentazione di Gordon Lawther di Emerson alla conferenza ChemInnovations dell'autunno scorso. La presentazione, "L'evoluzione dei PLC e dei DCS", tratta delle radici storiche, dei punti di forza e delle applicazioni storiche e dei progressi nel corso del tempo.

La genesi del PLC [Programmable Logic Controller] risale agli anni '60.In quel periodo la General Motors impiegava enormi sforzi per modificare le linee automatizzate della fabbrica prima dell'introduzione di ogni nuovo Model Year (MY); automazione implementata mediante relè, temporizzatori e sequenziatori a camme, con il risultato che gli elettricisti impiegavano moltissimo tempo per il ricablaggio.
Per coloro che non hanno avuto il piacere di incontrare il fa…

Automazione e sigle: facciamo chiarezza

Immagine
Edit: abbiamo ricevuto diverse richieste di chiarimento in privato. L'argomento desta molto interesse e anche qualche polemica, quindi dedicheremo altri post per entrare un po' più nel dettaglio. Invitiamo comunque tutti i lettori a condividere le loro opinioni nell'area commenti, in modo da dare la possibilità a tutti di interagire.

Abbiamo deciso di scrivere questo articolo dal momento che abbiamo notato che c'è molta confusione circa il senso di taluni termini piuttosto comuni per chi si occupa di automazione. Non è nelle nostre intenzioni dare delle definizioni esatte o universalmente accettabili: ci basta definire un lessico a cui fare per primi noi riferimento quando affrontiamo tematiche che potrebbero sollevare discussioni circa la correttezza o meno di certe considerazioni e opinioni. Neanche Wikipedia, da questo punto di vista, riesce ad essere sufficientemente chiara circa i limiti e risulta quasi sempre fumosa nelle definizioni: un indice di quanto sia diffi…

Le novità della norma IEC 61131

Immagine
La norma sui Controllori a Logica Programmabile (PLC)Come già annunciato alcuni giorni fa, presentiamo oggi un altro post relativamente alle novità introdotte ed in corso di introduzione sulla norma IEC 61131, che disciplina la costruzione, la programmazione e l'utilizzo dei controllori programmabili (PLC per brevità d'ora innanzi).
Ma andiamo per ordine.


La prima edizione delle norme, che recava la sigla P-IEC, risale al 1992-1993. La norma era divisa in: Parte 1: Informazioni GeneraliParte 2: Requisiti hardware e testParte 3: Linguaggi di programmazioneParte 4: Linee guida per l'utenteSuccessivamente al 2000 vennero aggiunte le seguenti parti:
Parte 5: ComunicazioniParte 7: Programmazione controlli "fuzzy"Parte 8: Linee guida per l'applicazione e l'implementazione dei linguaggi di programmazioneIEC 61131-6:2012 - Ed.1.0La parte 6, a lungo rinviata dal Comitato Tecnico 65B (dispositivi di misura e controllo), ha visto finalmente l'uscita della sua prima …